COME SCRIVERE

UN COMUNICATO STAMPA EFFICACE

Ogni stagione politica si conclude con la perdita
di centinaia di validi elementi che, nonostante abbiano doti che consentirebbero loro di fare il bene  della comunità, decidono di chiudere
prematuramente la loro carriera.
Una rinuncia quasi sempre dovuta alla frustrazione conseguente l’incapacità di valorizzare il proprio lavoro attraverso una comunicazione adeguata,
che permetta loro di farsi conoscere dai cittadini/elettori attraverso il cui sostegno potrebbero ambire a posizioni più rilevanti.
Queste continue defezioni, sono uno dei principali
fattori che impediscono quel ricambio generazionale
che tanto farebbe bene alla Pubblica Amministrazione
del loro Paese.
Questo manuale, a tratti scontato per chi si occupa di comunicazione per professione, si propone di essere uno strumento utile
per tutti i “giovani” politici che, privi di esperienza e mezzi, hanno bisogno di qualche nozione di base che possa aiutarli a farsi spazio nel mondo dell’informazione, consentendogli così di confrontarsi con i loro colleghi più esperti e dotati strumenti di cui loro non dispongono

RESISTERE!

La scuola fumettistica ucraina è famosa per il suo stile particolare e la realizzazione di graphic novel che narrano la storia e il carattere del suo popolo. Nelle edicole italiane sta per uscire, a partire dal 25 giugno, uno dei prodotti più prestigiosi, originali e di migliore qualità artistica di questa produzione ancora poco conosciuta: Resistere!, saga ambientata in un passato alternativo, il cui successo si deve anche a un fatto clamoroso, essendosi dimostrata drammaticamente profetica. Realizzata nel 2017, l’opera ha infatti anticipato, anche con dettagli sbalorditivi, le dinamiche della guerra in corso e la determinazione con cui gli ucraini si sarebbero opposti all’invasore russo.

Resistere!, edita in Italia da Dumas, è una saga in stile steampunk che prende avvio nel 1918: mentre le potenze mondiali sono impegnate nel mattatoio della Grande Guerra, la Russia bolscevica attacca l’Ucraina usando non solo micidiali armi innovative, ma anche il terrore, la manipolazione psicologica e perfino tecniche mistiche capaci di risvegliare i morti per mandarli a combattere al fronte.

SINDROME  75

Sindrome 75 è un esperimento crossmediale che coinvolge diversi media: si parte con il fumetto per poi arrivare alla narrativa in attesa di entrare in altri tipi di racconto. Sindrome 75 il fumetto e una vera è propria saga ambientata in un’altra Milano distopica, e difficile da vivere. 160 pagine tuttocolore per una storia che vi farà conoscere una città diversa eppure uguale a sé stessa. Perchè Milano o meglio i milanesi, nonostante tutto non cambieranno mai. Accanto ai cinque eroi, cinque persone speciali mutate dalla catastrofe emerse dal sottosuolo altre figure contribuisco a rendere il racconto corale e unico. Arricchiscono la lettura inserti storici e continui colpi di scena. A chiudere il volume a fumetti, una specialissima guida dei luoghi milanesi presenti in Sindrome 75 a cura di Gian Luca Margheriti, grande esperto delle tradizioni e delle leggende meneghine.

UN CANTO DI MILANO

 
Sciortino attualizza un avvincente “cold case sui Navigli” o meglio in quel che ne resta, dopo l’interramento degli anni Trenta e indaga sull’infanticidio di un “cucciolo di sirena”, Fescenna M XIII, come catalogato, nel Museo di Storia Naturale, avvenuto quasi contemporaneamente alla scomparsa della Milano lagunare voluta dal Duce. Ma “Un Canto di Milano” è, come scoprirà Santantuono, molto di più che un giallo tra Covid e Sirene. Sirene che anche noi potremo “vedere” grazie ai disegni di Roberta Sottile. 
 

IL ROMANZO

 Nino Santantuono, cronista milanese della notizia incredibile ma vera, si imbatte in un cold case che risale al ventennio fascista meneghino, un fatto di cronaca nera dimenticato dal tempo e mai risolto che rievoca la presenza misteriosa delle sirene in città, creature acquatiche mitologiche che avevano eletto il sistema dei Navigli a culla per le loro riproduzioni. Il giornalista dell’impossibile, insieme all’amico nemico commissario Capecelatro, affronta un’avventura nascosta dalle notti del nuovo coprifuoco che riporta all’attualità della cronaca una vendetta lunga un secolo, tra misteri dell’Ovra, la polizia segreta fascista, custoditi negli archivi milanesi, e delitti contemporanei ingiustificabili per la scienza investigativa. Un giallo fantasy che si dispiega e si rivela in una Milano distanziata, rarefatta, silenziosa e semideserta.

CODICE BEATLES

 
Tutto inizia il 12 ottobre 1969 quando, nella sua  trasmissione radiofonica sulla rete WKNR di Detroit, Russell Gibb  dichiara di aver saputo da Tom, un misterioso ascoltatore, che Paul McCartney è morto in un incidente stradale alle 5 del mattino di mercoledì 9 novembre 1966 e che è stato sostituito con un sosia. Verità o fake news?

 

IL ROMANZO

Fabio, giornalista in crisi, ha una sola passione nella vita: i Beatles. Nel suo blog indaga sui presunti messaggi in codice che, celati nei loro mitici dischi, alimentano una leggenda urbana: Paul McCartney sarebbe morto nel 1966 e rimpiazzato da un sosia. Una notte il giornalista viene contattato da un enigmatico individuo che si firma Mr. Postman. Da quel momento Fabio si trova nel mirino di una perversa coppia di sicari e lanciato in un’avventura che lo porterà dai Navigli milanesi fino a una misteriosa isola greca. Perché ora conosce i segreti del Progetto Hathor, il più diabolico intrigo nella storia della musica. Una vicenda di suspense, complotti e amicizia. Codice Beatles è un thriller ironico e fantastico come un film anni Sessanta, brillante e agrodolce come le più belle canzoni dei Beatles.

Progetto SANDWICH Cronache di barbecue, pane e viaggi

«L’idea di scrivere un libro è ferma nel cassetto da almeno 10 anni. E in questi 10 anni ha mutato forma mille volte passando da libro di alta cucina a romanzo culinario, mix di tecniche tra passato e presente e via andare. Ma nulla mi ha mai convinto fino al punto di fermarmi e dedicare mesi di lavoro al progetto. Poi è arrivato il Covid è ha stravolto le nostre vite. Dal girare l’Italia per lavoro e non avere nemmeno il tempo di respirare mi son trovato chiuso in casa a non avere molto da fare. E quando non hai nulla da fare il cervello pensa, partorisce idee alla velocità della luce, e tra un’idea malsana e l’altra, pensando alle mille esperienze lavorative, alle persone conosciute, ai tanti clienti serviti,  ecco l’illuminazione…» Così Luca Barbiero racconta la “nascita del suo primo volume. Per saperne di più cliccate su bbqmagazine.it  La passione di Luca Barbiero per il barbecue è rinomata e la sua professionalità altrettanto riconosciuta.
Progetto SANDWICH. Cronache di barbecue, pane e viaggi., dunque, unisce tutte le esperienze di Luca e dello Chef Barbiero.
Il volume è proprio un viaggio fra gusto, sapore, forme, conoscenza e approfondimento culinario. Oltre alla versione da libreria, Progetto SANDWICH. Cronache di barbecue, pane e viaggi. è proposto in versione Premium per tutti i super-appassionati di bbq… Clicca per scoprire quali sono!
Segui gli eventi… e incontra l’autore!

Saturno contro la Terra

Il volume propone, nei loro colori originali e nel formato 24×32 cm, tutte le tavole pubblicate tra il 1936 e il 1946 quando finalmente la saga ebbe fine.
Grazie al lavoro di Carlo Pedrocchi, figlio d’arte del grande Pedrocchi, e la lavoro certosino di ricercatore di Luigi Bona, Presidente della Fondazione Franco Fossati e direttore di WOW Spazio fumetto di MIlano.
Carlo Pedrocchi che, fortunatamente, possiede ancora le splendide e geniali sceneggiature di Federico, ha potuto ricostruire la storia arrivando a scoprire un buco narrativo che ha riempito con dieci tavole realizzate ex novo da Mauro Gariglio.
Rendono unico il volutele annotazioni e le immagini inedite pubblicate per la prima volta.
La particolarità del volume è anche un’altra: sempre grazie alle sceneggiature originali Carlo ha ricostruito i tagli e gli errori nate dalle esigenze di pubblicazione nei vari formati.

SAturno_cop
coverSovranismiric-pdf-683x1024

Dieci Falsi Miti
sul Sovranismo

Se pensate che il sovranismo è contrario alla democrazia, a favore del mantenimento della disuguaglianza sociale, anti ecologico, fascista ed egoista questo libro fa per voi. Sarah Mosole, come un esperto giardiniere, pota i suoi alberi per farli crescere e fiorire, sfronda il sovranismo di tutti i miti e i pregiudizi che ne zavorrano lo sviluppo. Il libro illustra chiaramente come l’appello alla sovranità nazionale costituisca oggi l’unico argine allo strapotere dei mercati, con l’obiettivo di riportare la Comunità al centro della politica. A questo scopo, con grande attenzione alle fonti e usando esempi concreti, l’Autrice smonta i falsi miti utilizzati dalla propaganda neo liberista per delegittimare chiunque osi opporsi alla dittatura del mercato.